Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community
 

Archivi al giorno novembre 18th, 2011

ven, nov 18, 2011  Roberta Buscherini
Il SAP esige la pensione complementare per il personale delle Forze dell’Ordine
Vota Questo Articolo

Un importante numero di rappresentanti dai diversi gruppi delle Forze dell’Ordine si sono riuniti ieri  nella Sala Conferenze della Polizia di Stato di Catanzaro (Calabria) per assistere ad una convenzione organizzata dalla segreteria provinciale del Sindacato Autonomo di Polizia, SAP. Il motivo era la situazione attuale delle pensioni per gli appartenenti alla Polizia di Stato.
Nella riunione sono stati trattati diversi argomenti relativi alle pensioni come la pensione complementare, il TFR o l’età oltre la quale è possibile accedere alla pensione.
Inoltre, nel incontro sono stati forniti delucidazioni importanti rispetto al sistema pensionistico applicato o come viene determinata la buonuscita.
Il segretario Nazionale del SAP, Stefano Paoloni, si è congratulato per l’ampia presenza di professionisti delle Forze dell’Ordine in Italia e ha dichiarato che “il sindacato utilizzerà ogni energia per sostenere,  nei modi e nelle opportune sedi, una celere e seria riforma pensionistica che preveda la partenza della previdenza complementare”, finalizzata ad erogare una pensione aggiuntiva a quella di base. Inoltre ha segnalato la “diffusa insofferenza contro i privilegi della categoria rivelatagli dai colleghi”.
In merito a questo argomento, il rappresentante del SAP e moderatore dell’incontro, Sergio Riga, ha assicurato che nei prossimi giorni ci saranno presidi di piazza con l’obbiettivo di “sensibilizzare gli italiani sul depotenziamento delle Forze dell’Ordine ed il taglio alle risorse praticato dal Governo”. Riga segnala che questi tagli influiscono negativamente nel servizio prestato ai cittadini e nei livelli di sicurezza. D’altra parte, ha aggettivato “inutili e superflui” gli “sprechi” prodotti dalle troppe auto blu in circolazione.

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
ven, nov 18, 2011  Roberta Buscherini
Calendario 2012 Marina Militare: risorse per i bambini di Haiti.
Vota Questo Articolo

Da domani sarà in vendita in edicola il calendario 2012 della Marina Militare, presentato questa settimana ad Ancona. Sotto il titolo “La rotta per il futuro”, questo calendario ha una doppia funzione: da una parte fa conoscere ai cittadini le attività della Marina, dall’altra ha uno scopo benefico in quanto servirà a raccogliere risorse per la Fondazione Francesco Rava, in aiuto dei bambini di Haiti. Il calendario ha un prezzo di due euro e può essere acquistato anche online.
Nuovi e innovativi mezzi navali e aerei sono i protagonisti di dieci delle dodici piane che illustrano il calendario, le altre due sono dedicate alla portaerei Giuseppe Garibaldi, impiegata in Libia, e alla mitica nave scuola Amerigo Vespucci.
Il comandante in capo del Dipartimento amministrativo della Marina Militare, Mario Fumagalli, ha spiegato che questo calendario nasce dalla missione umanitaria “White Crane” realizzata nel gennaio 2010 con motivo del terremoto che ha colpito Haiti. I fondi raccolti, ha assicurato Fumagalli, serviranno a costruire scuole per bambini.
“Abbiamo voluto presentare le nostre unità – ha detto Fumagalli – per far comprendere a tutti i compiti della Marina militare, che al tradizionale ruolo di difesa dello Stato affianca anche interventi per la sicurezza in mare, il contrasto al contrabbando, al traffico di droga e di esseri umani, e azioni antinquinamento e di protezione civile”.

Fumagalli ha concluso spiegando che “una nave è una struttura completamente autonoma, che in caso di disastri ambientali tali da bloccare le vie di comunicazione, può intervenire tempestivamente via mare, offrendo un supporto logistico e ospedaliero. Assicura inoltre le telecomunicazioni e il trasporto immediato di persone, come base per aerei ed elicotteri”.
Attualmente, la Marina Militare Italiana svolge missioni nella zona mediterranea ma non solo. Un gruppo di appartenenti a questa categoria opera contro i pirati nell’Oceano Indiano.

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest