Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community
 

Archivi al giorno dicembre 5th, 2011

lun, dic 5, 2011  Roberta Buscherini
Cani: nuovi insegnanti in Francia!!
Vota Questo Articolo

Leggevo stamattina che in Francia, i cani fanno da insegnanti a bambini con problemi di apprendimento. Si tratta di una scuola di Parigi dove i terrier aiutano i bambini a prendere fiducia e sicurezza in se stessi tramite i comandi che danno agli animali.

Una delle insegnanti affermava che i bambini all’inizio avevano paura degli animali ma poi si sentivano a loro agio. Questa situazione mi porta a diversi ragionamenti:
Da una parte credo che tra pochi anni, questa tecnica arriverà anche in Italia, difatti non è la prima terapia con animali che conosco. In Spagna i cavalli aiutano i bambini autisti a sviluppare un senso artistico che noi non siamo capaci neanche di capire.

D’altra parte, sono davvero incuriosita circa il motivo per il quale i bambini si fidano più degli animali che dei propri insegnanti o maestri. Per ché sono più tranquilli con i cani? Si tratta di atteggiamenti comportamentali che non sono capace di capire e che ritengo molto interessanti.
Forse tutti noi dovremmo pensarci su: bambini con problemi che si rasserenano con gli animali e non con gli umani. Forse riescono a capire che nella società attuale noi cittadini corriamo sempre, siamo perennemente in ansia e non sappiamo cosa sia stare tranquilli e sereni.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
lun, dic 5, 2011  Roberta Buscherini
Il per chè della missione ‘Quattro Stelle dell’Uganda’
Vota Questo Articolo

I nostri corpi di difesa nazionale, come l’Aeronautica Militare, speso vengono visti come strumenti di azioni prettamente militari, che si svolgono in un contesto pericoloso e armi alla mano.
La realtà dell’Aeronautica Militare invece è molto diversa e non si limita a essere attiva solo negli ambiti previsti dall’immaginario comune, ma sempre più spesso mettono a disposizione le loro risorse e la loro competenza professionale a servizi di scopi umanitari in territori difficili.
È il caso ad esempio della missione “quattro stelle dell’Uganda” compiuta da militari medici e infermieri del corpo dell’aeronautica militare, dell’esercito, della marina e dei carabinieri, condivisa anche dalla Fondazione AVSI (associazione volontari per il servizio internazionale): lo scopo primario della missione consisteva nella formazione professionale del personale sanitario dell’ospedale St Joseph di Kitgum.
La missione è iniziata con un volo C 130 J della 46^ Brigata Aerea di Pisa il 20 novembre dello scorso anno: dopo 15 ore di volo e due scali si tocca il territorio africano, ma il viaggio è ancora lungo e prima di arrivare all’ospedale di Kitgum servono ancora 3 ore di pazienza da trascorrere su una strada dissestata per meno di 100 km.
All’interno di questa missione sono state eseguite anche importanti operazioni chirurgiche, regalando opportunità di crescita professionale sul campo anche ai nostri militari, 20 in tutto tra medici, infermieri e addetti alla logistica, ai quali si aggiungono anche due chirurghi civili, accompagnati anche da  oltre 10 tonnellate di materiale sanitario e umanitario.
Le missioni umanitarie dell’Aeronautica Militare Italiana continuano anche nel 2011 e in ordine di tempo, l’ultima si è concretizzata lo scorso 11 ottobre presso l’aeroporto di Pratica di Mare, dal quale ha preso il volo un C-130 diretto a Tripoli per l’ennesima iniziativa in collaborazione con la cooperazione italiana e il comando operativo di vertice interforze, che prevede il trasferimento di 25 vittime degli scontri civili in Libia, per offrire loro assistenza e cura presso i presidi ospedalieri Romani di Rome American Hospital, l’Ospedale San Carlo di Nancy e la clinica Villa Salaria.

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
lun, dic 5, 2011  Roberta Buscherini
Calendario 2012 Polizia di Stato: “C’è più sicurezza insieme”
Vota Questo Articolo

Uno degli appuntamenti fissi e più conosciuti rivolti al pubblico della Polizia di Stato è il calendario. Si tratta di un’iniziativa ormai collaudata che da anni permette la realizzazione di progetti umanitari in collaborazione con l’UNIFEC contro la malnutrizione infantile in Camerun.
Dopo il successo dei 12 scatti dell’anno scorso incentrati a favorire il progetto UNICEF per l’accesso dei bambini di strada del Bangladesh ai servizi sociali di base che ha maturato circa 170 mila euro, per il 2012 il titolo del calendario sarà “c’è più sicurezza insieme”.
Le fotografie vedranno protagonisti eccellenti del mondo dello sport, dello spettacolo e della cultura e riguarderanno attività quotidiane dei nostri poliziotti. La scelta di coinvolgere personalità conosciute rientra in quella filosofia che da anni accompagna questa iniziativa della Polizia di Stato, ovvero l’intento di avvicinare i giovani alle istituzioni, facendo conoscere più da vicino le loro attività quotidiane.
Il costo del calendario che è già possibile prenotare è di 8€ per la versione da parete e di 6€ per quella da tavolo. La prenotazione deve essere effettuata presso l’Ufficio relazioni con il Pubblico della questura ed eseguendo il versamento sul conto corrente postale num. 745000 intestato a UNICEF COMITATO ITALIANO specificando come causale “calendario 2012 della polizia di stato per il progetto UNICEF del Camerum”.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest