Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community
 

Archivi al giorno aprile 20th, 2012

ven, apr 20, 2012  Roberta Buscherini
Uno su tre bambini ha problemi di sovrappeso
Vota Questo Articolo

Oggi ho letto dei dati preoccupanti che  invitano davvero a riflettere: un bambino su tre, in Italia, è sovrappeso e uno su dieci obeso con il rischio che nel 50 % dei casi lo sia anche da adulto. Ero convinta che questa situazione esistesse solo negli EEUU, invece no, parliamo con orgoglio della nostra dieta mediterranea ma è ovvio che qualcosa stiamo sbagliando.

 

Secondo, l’indagine ”Okkio alla Salute‘ svolta recentemente nelle scuole dall’Istituto Superiore di Sanita’, oggi il 70% dei bambini, tra scuole elementari e medie, pranza nella mensa dell’istituto, ma su circa 2200 scuole Italiane, solo il 68% di queste la possiede. E anche quando c’e', nessuno controlla cosa e quanto i ragazzi scelgono, specie fra i bambini fino agli 8-9 anni nei quali manca l’idea di porzione e di arco di tempo. Per sensibilizzare a questi importanti concetti e’ in arrivo nei prossimi mesi, edito dall’Istituto Scotti Bassani per la ricerca e l’informazione scientifica – Milano, un Atlante Fotografico rivolto agli operatori del settore e alla classe pediatrica, da utilizzare con bambini e genitori perche’ anche a casa la situazione non e’ migliore.

 

L’obesità non è più un problema estetico, che lo è, ma un rischio per la salute in quanto aumenta il rischio di molte malattie gravi come quelle cardiovascolari, ipertensione o diabete. Questa situazione dovrebbe essere prevenuta da piccoli, a casa e a scuola.
Penso che è un problema di tutti noi in quanto i bambini sono la società del futuro. Io vi invito a riflettere, cosa stiamo facendo noi a scuola, come insegnanti? E cosa stiamo facendo a casa come genitori? Portare i bimbi da McDonalds è un premio o è una routine?

A voi la parola!!

Articoli correlati:

- Comocuore

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
ven, apr 20, 2012  Roberta Buscherini
Dipendenti statali licenziati dopo l’estate
Vota Questo Articolo

Ministro Filippo Patroni Griffi

“L’unica strada rimarrà quella del licenziamento”, queste sono parole del ministro Filippo Patroni Griffi riguardo i dipendenti statali. Il rappresentante del Governo ha dichiarato al quotidiano Avvenire che entro l’estate sarà disegnato il piano di eccedenze del personale in servizio per ogni singola amministrazione ma “se alla fine non si troveranno alternative”, i dipendenti statali e pubblici in più saranno licenziati. “Spero che capiscano tutti, anche i sindacati”, ha concluso il ministro.

 

Le prime reazioni alle dichiarazioni del ministro sono arrivate da parte dei sindacati: la CISL considera che “non è agitando lo spettro del licenziamento che si può far crescere il livello di produttività della pubblica amministrazione– replicano Funzione pubblica e Scuola -. La licenziabilità dei dipendenti pubblici è un falso problema: le norme esistono e la disciplina anzi è più rigida che nel privato. Sulla mobilità, in particolare, non abbiamo bisogno di ‘capire’: nella scuola ogni anno gestiamo attraverso contratti la mobilità di migliaia di lavoratori”.

 

D’altra parte, la UIL che ha già realizzato proteste per denunciare la riforma del mercato del lavoro, assicura che saranno programmate nuove manifestazioni per “contrastare con determinazione ogni politica che facesse gravare sui lavoratori pubblici i costi delle inefficienze e degli sprechi generati da scelte politiche dissennate”. La situazione dei dipendenti pubblici si une alle tensioni per le pensioni o la riforma del mercato del lavoro. Sempre più polemica senza punto d’incontro alla vista.

 

Ti potrebbero anche interessare:

- trattenuta illegittima del 2,5 %

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest