Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community
 

Archivi al giorno aprile 30th, 2012

lun, apr 30, 2012  Roberta Buscherini
Scuola: concorsi per TFA
Vota Questo Articolo

Gli Enti Accreditati Miur ( Ministero Istruzione Università e Ricerca) per la formazione del personale della Scuola, tra i quali l’Ass Mnemosine, stanno  proponendo in diverse regioni d’Italia corsi preliminari alla prova selettiva TFA (tirocinio formativo attivo) e corsi di preparazione alla prova orale del Concorso per Dirigenti Scolastici.

 

 

Tali corsi saranno gratuiti a certe condizioni riportate sul bando di partecipazione, inoltre, in base agli articoli 63 e 64 del Ccnl Comparto Scuola, danno ai docenti che vi partecipano diritto all’esonero dal servizio.
Unico problema è  l’art. 3 comma 6 del Decreto n. 249 del 10 Settembre 2010 che stabilisce la frequenza dei corsi per il Tirocinio Formativo Attivo, incompatibilmente con l’iscrizione sia ai corsi di dottorato di ricerca, sia a qualsiasi altro corso che da’ diritto all’acquisizione di crediti formativi universitari o accademici, in Italia e all’estero, da qualsiasi ente organizzati.
Ciò significa che qualsiasi corso di Perfezionamento Universitario o Master Universitario pregiudica la partecipazione al Tirocinio Formativo Attivo.
Per chi ha, invece, la possibilità di partecipare a tali corsi può avere la certezza di essere seguito da docenti universitari esperti nel settore.

 

 

I corsi sono strutturati per area disciplinare (Umanistica, Scientifica, Linguistica, Letteraria, Psicomotoria, Tecnica, Artistico – Musicale e Giuridico – Economica) ed in itinere verranno forniti dei test di valutazione delle competenze acquisite.

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
lun, apr 30, 2012  Roberta Buscherini
Amminitrazione Pubblica: da gennaio, domande on line
Vota Questo Articolo

Il rapporto tra la cittadinanza e l’Amministrazione Pubblica sta cambiando e cambierà ancora di più. Infatti, dal 1 gennaio 2014 tutte le procedure per i cittadini e le imprese saranno online. Le comunicazioni tra gli uffici dovranno avvenire esclusivamente attraverso i canali e servizi telematici e la posta certificata.

 

“Le norme sono importanti, ma non bastano. Occorre anche cambiare la cultura e i comportamenti quotidiani. Per i cittadini e le imprese conoscere le nuove semplificazioni è essenziale per far valere i propri diritti”: sono state le parole del Ministro per la Pubblica Amministrazione, Filippo Patroni Griffi, sulla conversione in Legge, avvenuta il 4 aprile 2012, del Decreto legge 9 febbraio 2012, n. 5, recante disposizioni urgenti in materia di semplificazione e sviluppo.

 

Gli ostacoli sono tanti, tra i quali, la diffidenza di molte persone nella cultura telematica, soprattutto anziani, e la mancata diffusione della banda larga in  alcuni paesi molto piccolo dei quali l’Italia è disseminata.

 

L’Italia, infatti, rimane in coda all’ Europa per quanto riguarda il possesso, l’ utilizzo di computer, dotazione di connessione al web a causa soprattutto del nostro modo di pensare e della persistente  “abitudine a recarsi di persona presso gli uffici, fare pubbliche relazioni con le altre persone in fila, battibeccare con gli impiegati”.

 

Il 2014, però, arriverà in fretta e per abituare gli italiani a questa ‘rivoluzione’  dal primo gennaio 2012, per le amministrazioni, non è più possibile rilasciare e/o ricevere certificati cartacei, pena sanzioni anche penali.

E’ una linea che probabilmente adesso sembrerà troppo dura, ma viene fatta con la convinzione che volente o nolente internet è entrato nella nostra routine quotidiana e sempre più ne farà parte; nel lungo periodo tutti ne trarranno vantaggi, soprattutto in risparmio di tempo!

 

 

 

Ti potrebbero anche interessare:

- Confsal: “dipendenti pubblici a rischio”

- COCER GdF denuncia la violazione del principio di rappresentatività

- Cancellieri pronta ad eliminare un dipendente su dieci al Viminale

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest