Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno giugno 7th, 2012

gio, giu 7, 2012  Roberta Buscherini
Medici obbligati ad aggiornarsi e assicurarsi a proprie spese
Vota Questo Articolo

La riforma Monti è stata davvero uno scatto per tutte le categorie lavorative pubbliche e non solo. Anche medici e professionisti del mondo sanitario in generale sono obbligati ora ad aggiornarsi continuamente, cosa che facevamo già per conto nostro, e ad assicurarsi a proprie spese.

Fino all’anno scorso, le assicurazioni professionali per medici non erano obbligatorie, si consigliati, ma si poteva scegliere tra stipularla oppure no. D’ora in poi, medici, farmacisti, infermieri e assistenti sociali devono stipulare polizze assicurative a proprie spese, e non più a spese della struttura dove si opera. Nel concreto, devono assicurarsi contro i rischi che provengono dalla propria attività.

Inoltre, è obbligatorio un numero minimo de ore di formazione. In caso contrario si rischia una sanzione.

Le sanzioni non sono ancora state definite. Entro il 13 agosto 2012 tutti gli ordini professionali interessati, e quindi gli ordini dei medici chirurghi e quelli delle professioni sanitarie non mediche, dovranno stabilire le sanzioni da applicare a chi non acquisisce in un anno i 50 crediti ECM necessari per soddisfare l’obbligo formativo.

Per il momento, si parla di sanzioni relative agli arresti nella progressione di carriera per i professionisti inseriti in organici e di multe pecuniarie.

Sicuramente queste misure hanno vantaggi ma anche svantaggi, soprattutto economici: DI LA TUA?

 

Ti potrebbero anche interessare:

- Medici: lavoro sette giorni su sette

- Ospedale: migliora la gestione

- Medici: richiesta assicurazione

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
gio, giu 7, 2012  Roberta Buscherini
Mobilità: il MIUR pubblica una prororoga per la secondaria di primo grado
Vota Questo Articolo

Il Miur ha spostato le date di mobilità del personale della scuola dovuto ai terremoti. Infatti le gravi conseguenze derivanti dagli eventi sismici che hanno colpito diverse regioni italiane hanno ostacolato gli uffici scolastici regionali per svolgere, entro i termini previsti, le attività necessarie per eseguire le complesse operazioni per avviare la mobilità del personale della scuola.

 

In questo senso, e facendo seguito alla nota 3934 del 23 maggio scorso, il Ministero ha pubblicato una nota per prorogare le date che riguardano i termini di acquisizione delle disponibilità:

- termine ultimo di comunicazione al SIDI delle domande di mobilità e dei posti disponibili: 9 giugno;

- pubblicazione dei movimenti: 28 giugno.

 

Ecco la Nota del Ministero: proroga mobilità

 

Ti potrebbero anche interessare:

- Nella maturità non si copia più

- Stipendi insegnanti a rischio

- Dipendenti che rischiano il licenziamento

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest