Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community
 

Archivi al giorno agosto 29th, 2012

mer, ago 29, 2012  Roberta Buscherini
Grado Aeronautica: Circolare Avanzamento di Grado
4 (80%) 8 Vota Questo Articolo

Il Ministero di Difesa ha pubblicato i risultati dei appartenenti alle Forze Armate idonei all’avanzamento al grado di Primo Aviere Capo Scelto, Primo Aviere Capo e Primo Aviere Scelto dell’Aeronautica, compresi nell’aliquota d’avanzamento definita al 31 dicembre 2010.

 

 
In seguito troverai tutti gli elenchi:
-    Primo Aviere Capo Scelto:  Il primo elenco è equivalente ai Primi Avieri Capi in servizio permanente idonei all’avanzamento ad anzianità promossi al grado di Primo Aviere Capo Scelto con decorrenza 27 luglio 2010.

-    Primo Aviere Capo: il secondo elenco è equivalente ai nominativi di Primi Avieri Scelti in servizio permanente, risultati idonei all’avanzamento ad anzianità promossi al grado di Primo Aviere Capo. La decorrenza, in questo caso, è diversa per cada caso concreto.

-    Primo Aviere Capo con decorrenza 22 marzo 2010: il terzo elenco contiene i nominativi di Primi Avieri Scelti in servizio permanente che risultano idonei all’avanzamento ad anzianità promossi al grado di Primo Aviere Capo con decorrenza, a tutti gli effetti, 22 marzo 2010.

-    Primo Aviere Capo con decorrenza 31 maggio 2010: elenco dei Primi Avieri Scelti in servizio permanente, risultati idonei all’avanzamento ad anzianità, promossi con decreto dirigenziale n. 240 del 31 luglio 2012 al grado di Primo Aviere Capo con decorrenza, a tutti gli effetti, 31 maggio 2010.

-    Primo Aviere Capo con decorrenza 26 ottobre 2010: elenco dei Primi Avieri Scelti in servizio permanente, risultati idonei all’avanzamento ad anzianità promossi al grado di Primo Aviere Capo con decorrenza, a tutti gli effetti, 26 ottobre 2010.

-    Primo Aviere Capo con decorrenza 30 novembre 2010: elenco con i nomi dei Primi Avieri Scelti in servizio permanente, risultati idonei all’avanzamento ad anzianità promossi al grado di Primo Aviere Capo con decorrenza, a tutti gli effetti, 30 novembre 2010.

-    Primo Aviere Scelto: nominativi degli Avieri Capo in servizio permanente idonei all’avanzamento ad anzianità promossi al grado di Primo Aviere Scelto. La decorrenza è diversa per ogni elenco di nominativi.

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, ago 29, 2012  Roberta Buscherini
Graduatoria Carabinieri: Vincitori Concorso Interno 2011
Vota Questo Articolo

Concorso interno, per esami e titoli, per l’ammissione al 10° corso annuale allievi marescialli del ruolo ispettori (210 posti).
Il Ministero di Difesa ha approvato la graduatoria finale di merito dei candidati considerati idonei per partecipare al 10 corso annuale di allievi marescialli del ruolo ispettori dell’Arma dei carabinieri, relativa a Brigadieri e Vicebrigadieri.
Si tratta della graduatoria di merito relativa al Bando di Concorso Carabinieri per 210 posti messi a disposizione per il concorso interno che offre la possibilità di assistere al decimo corso annuale 2012 / 2013 di allievi marescialli del ruolo ispettori dell’Arma dei Carabinieri.
I posti disponibili sono suddivisi in questo modo:
-    29 per brigadieri e vicebrigadieri
-    181 per appuntati e carabinieri

 

Concorso Interno Carabinieri

 

Il concorso, inizialmente prevedeva una ripartizione diversa dei posti disponibili: pari ad un terzo riservato a brigadieri capi, un terzo riservato ai brigadieri e vicebrigadieri e un terzo ali appuntati e carabinieri.
I 70 posti riservati alla categoria dei Brigadieri Capi invece non sono stati assegnati per mancanza di candidati idonei e, dei 70 posti riservati alla categoria di Brigadieri e Vicebrigadieri ne sono stati ricoperti solo 29 sempre per lo stesso motivo: mancanza di candidati idonei.
Per questo motivo, i posti rimasti scoperti per ognuna di queste categorie saranno coperti per concorrenti delle categorie restanti risultati idonei ma non vincitori, in questo caso, per appuntati e carabinieri.
 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, ago 29, 2012  Roberta Buscherini
Mobilità Dipendenti Pubblici: cos’è e come funziona?
1.4 (27.2%) 25 Vota Questo Articolo

Fonte: Corriere di Novara

 

La mobilità dipendenti pubblici e un trasferimento dei dipendenti, ovvero un intercambio tra un amministrazione e l’altra. L’obiettivo della mobilità è soddisfare d’una parte le esigenze delle amministrazioni per quel che riguarda la collocazione del personale ma non solo. Tramite le operazioni di mobilità  i lavoratori ha la possibilità di crescere professionalmente o modificare le proprie condizioni di lavoro.

 

 

Tipologie Mobilità Dipendenti Pubblici:

 

E’ possibile dividere la mobilità in diverse categorie.

 

Mobilità interna o esterna:

La mobilità interna riguarda un solo ente e in questo caso il dipendente viene trasferito da un dipartimento all’altro. La mobilità esterna invece, riguarda diverse amministrazioni pubbliche, regionali o interregionali. In questo caso, infatti, il dipendente viene trasferito da un ente all’altro.

 

Mobilità volontaria o compensativa:

Come indica il proprio nome, la mobilità volontaria è quella che risponde alla richiesta del proprio lavoratore di cambiare posto di lavoro mentre nella mobilità compensativa sono due dipendenti, con simili caratteristiche lavorative, a mettersi d’accordo per realizzare l’intercambio.

 

Chi ha il diritto alla Mobilità nella PA?

 

La mobilità viene regolata in Italia dall’articolo 33 del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n.29.
Si tratta di un procedimento che potrebbe essere richiesto da:
- il dipendente interessato
- l’amministrazione di appartenenza
- l’amministrazione di destinazione
Inoltre, è necessario per ogni operazione di mobilità stabilire quanti posti possono essere destinati alle selezioni interne e le graduatorie e la quantità di posti a coprire tramite concorsi pubblici. È proprio qui, nei posti destinati alla selezione pubblica, dove è possibile individuare i posti da utilizzare per mobilità o passaggi diretti.

 

Documenti Necessari per la mobilità

 

Per avviare un’operazione di mobilità dipendenti pubblici, una volta confermata la disponibilità del posto vacante da coprire, è necessario presentare alcuna documentazione:
-    Domanda di “Nulla Osta”
-    Domanda di Trasferimento
-    Curriculum Vitae

 

 

Questi documenti devono essere inviati alle due amministrazioni coinvolte, quella di appartenenza e quella di destinazione. In questo modo, possono metterci d’accordo nell’accettazione oppure no del trasferimento.
Bisogna sottolineare che un’operazione di mobilità dipendenti pubblici non implica l’estinzione del rapporto di lavoro ma la continuazione di questo con la nuova amministrazione di appartenenza.

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest