Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno ottobre 6th, 2012

sab, ott 6, 2012  Roberta Buscherini
Sicurezza Scuole: 4 in Pagella
Vota Questo Articolo

Bagno scuola elementare a Roma: Roma Notizie

Sarà forse anche per i risultati deprimenti del Rapporto di Cittadinanzattiva presentato al Senato pochi giorni fa, che mostra una scuola “fuori controllo” in termini di qualità degli edifici scolastici nell’ambito della campagna “imparare sicuri”. Fatto sta che con un decreto interministeriale Profumo-Passera-Grilli sono stati finalmente sbloccati 116 milioni di euro dedicati all’edilizia scolastica.
In effetti il X rapporto su sicurezza qualità e comfort delle scuole italiane ha mostrato la tragicità della situazione: l’analisi si è svolta su 111 edifici scolastici in 10 differenti regioni e ha avuto come esito che solo un quarto delle scuole è in regola con le certificazioni di sicurezza.

 

 

Qualità della Scuola

 

Ma i dati allarmanti non finiscono qui:

-  il 59% degli edifici è costruito in zona sismica o a rischio idrogeologico e industriale;

-  nel 31% delle scuole si sono verificati degli episodi di vandalismo;

-  in un’aula su quattro sono presenti segni di fatiscenza, come umidità muffe, infiltrazioni di acqua e distacchi di intonaco;

-  la vita agli studenti con disabilità è reso complessa da barriere architettoniche e pavimenti sconnessi;

-  il 49% delle finestre è senza tapparelle o persiane e nel 57% dei casi le finestre rotte; 

-  il 10% delle sedie  e il 12% dei banchi è rotto .

 
Alla luce di questi dati allarmanti è intervenuto anche il capo della protezione civile Franco Gabrielli proprio durante la presentazione di questo rapporto al Senato, esprimendo tutta la sua preoccupazione: “l’edilizia scolastica è un’emergenza che va affrontata con interventi strutturali ed è decisivo fare delle scelte”. Lo sblocco dei 116 milioni di euro rappresenta un altro step dell’applicazione di una legge del 2004 che permetterà a oltre 900 comuni di eseguire interventi straordinari sugli edifici scolastici.

 

 

Problemi della Scuola

 

Tuttavia la notizia del decreto interministeriale non ha soddisfatto molte associazioni di categoria, prima tra tutte la Flc-CGIL che dalle parole del suo segretario generale Mimmo Pantaleo, rende noto il proprio disappunto: “’Si vuole fare un concorso inutile e costoso ma non c’è alcun piano di edilizia scolastica e per la messa in sicurezza degli edifici scolastici. Si annunciano progetti di digitalizzazione delle scuole nonostante molte di esse non abbiano laboratori, biblioteche, aule con computer. Vorrei informare il Ministro Profumo che l’anno scolastico è iniziato in una condizione disastrosa e non basterà la propaganda per superare i problemi veri e immediati della scuola italiana ”.
Ma il ministro profumo rassicura tutte le parti in causa e durante la cerimonia di apertura dell’anno scolastico, svoltasi al Quirinale, alla presenza del presidente Napolitano, ha dichiarato che la sicurezza nelle scuole non è più una scelta ma “ma un dovere che ci vede seriamente impegnati in un progetto a lungo termine che si sostanzierà da subito anche nella costruzione di nuove scuole, capaci di guardare al futuro della didattica senza dimenticare sostenibilità ambientale e risparmio energetico ”.

 

Fonti: Asca / Flcgil / Dire.it / Teleborsa /

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest