Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno novembre 26th, 2012

lun, nov 26, 2012  Roberta Buscherini
Congedo Parentale Dipendenti Pubblici: arrivano i voucher
Vota Questo Articolo

Cambiamenti per quel che riguarda il congedo parentale dipendenti pubblici: Il congedo parentale è passato di moda. Dalla prossima settimana infatti attraverso un semplice decreto ministeriale che attuerà la legge 92/2012, si attiveranno i voucher con cui si potrà acquistare, una volta terminata la maternità obbligatoria, servizi per l’infanzia sia nel settore pubblico che in quello privato purché accreditato.
A rilasciare i voucher, di cui ancora non si conosce il numero e gli importi, saranno i datori di lavoro. La variabile fondamentale per stabilire quantità e cifre sarà il parametro Isee, e in questo modo, ci sono novità nel congedo parentale.

 

 

 

Congedo Parentale Dipendenti Pubblici

 

Per riassumere, queste novità sul congedo parentale , trattano di,  citando la stessa legge: “al fine di promuovere la partecipazione femminile al mercato del lavoro, si intende disporre l’introduzione di voucher per la prestazione di servizi di baby-sitting. Le neo mamme avranno diritto di chiedere la corresponsione di detti voucher dalla fine della maternità obbligatoria per gli 11 mesi successivi in alternativa all’utilizzo del periodo di congedo facoltativo per maternità. Il voucher è erogato dall’Inps. Tale cifra sarà modulata in base ai parametri Isee della famiglia ”.
Negli intenti iniziali di questo progetto, riguardo il congedo parentale , che avrebbe dovuto trovare applicazione già dallo scorso luglio, c’è la volontà di offrire un sostegno alla madre per poter sfruttare alcuni servizi utili al termine del periodo di congedo di maternità, e per gli 11 mesi successivi, in alternativa al congedo parentale .

 

Congedo perDipendenti Pubblici: I voucher

 

In pratica i voucher non sono altro che una forma di pagamento della retribuzione mensile comprensiva dei contributi versati che il datore di lavoro può impiegare per pagare prestazioni occasionali di alcune ore. Il tutto in cambio del congedo. Il datore di lavoro poi si rivale sull’ente previdenziale.
Se davvero, come annunciato dal ministro Fornero, la prossima settimana questa legge troverà applicazione definitiva, potremmo capire se questo provvedimento in sostituzione al congedo parentale dipendenti pubblici sia effettivamente efficace e vantaggioso.

 

Fonte: Anmil.it

 

Foto: Blogmamma

 

Roberta Buscherini

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest