Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community
 

Archivi al giorno aprile 2nd, 2013

mar, apr 2, 2013  Valentina
Pasti Amari per La Polizia
Vota Questo Articolo

Il prossimo 10 aprile Penne all’arrabbiata gratis per tutti poliziotti davanti al compendio Castro Pretorio come forma di protesta pacifica e originale con lo scopo di denunciare l’inadeguatezza del buono pasto giornaliero per il personale della della Polizia di Stato romana, che ammonta a 4,65 euro.

 

 Protesta Buono Pasti Polizia

La richiesta del sindacato di polizia organizzatore della protesta, il CONSAP, è chiara: alzare il valore del buono pasto  a 7 euro come per i colleghi civili dipendenti della medesima amministrazione: “Diciamo basta alla vergogna di un buono pasto assolutamente inadeguato, che umilia i poliziotti (…) invitiamo tutti i colleghi e le colleghe a poter fruire di un primo piatto gratuito per integrare un buono pasto che nella capitale permette di mangiare poco più di un panino ed una bottiglia d’acqua” dichiara a gran voce il sindacato in una nota ufficiale, non mancando di sottolineare come anche il condimento della pasta non si affatto casuale, ma rispecchi in tutto e per tutto l’umore e il disagio dei poliziotti, vittime di quella che viene considerata una vera e propria umiliazione.

 

La concessione dei buoni pasto risale all’art. 35 del DPR 254/1999 e nacque come alternativa al servizio di mensa riservata a coloro che per motivazioni legate ai turni di servizio o alle disposizione interne alla propria amministrazione non possono allontanarsi dalla loro sede lavorativa negli orari dedicati ai pasti; il buono pasto è applicabile nel caso in cui l’amministrazione non sia fornita di una mensa e aveva in origine un valore di € 7.

 

A causa della spending review anche il valore dei buoni pasto è stato tagliato nell’ambito della riorganizzazione delle pubbliche amministrazioni ed è in seguito a questo taglio che alla polizia di stato è stato assegnato un buono pasto nominale del valore di 4.65€ da spendere nelle mense o negli esercizi convenzionati.

 

Sempre in ambito dei buoni pasto destinati alla polizia di stato, è di pochi mesi fa, esattamente del 7 febbraio 2013 la sentenza del TAR di Roma che garantisce il diritto dei dipendenti del corpo di polizia all’ottenimento dei buoni pasto, in alternativa al servizio mensa, per ogni giorni di rientro pomeridiano qualora venga provata l’impossibilità di utilizzare le mense attive.

 

Insomma la spending review non dà tregua neanche a tavola. E come da previsione, sarà il nuovo esecutivo non ancora in carica a dare risposte e azioni precise per evitare che le manifestazioni come quella del prossimo 10 aprile si diffondano dando vita a una nuova insurrezione sociale.

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, apr 2, 2013  Ranalli
Sussidi didattici scuola: Cosa Sono, Come Vengono Applicati e Dove Trovarli?
Vota Questo Articolo

Sussidi didattici scuola nel mondo della pubblica istruzione.

Il mondo della scuola, come tutti sappiamo, è in una fase di profondo rinnovamento anche dal punto di vista dell’utilizzo degli ausili e sussidi informatici.

Possiamo tranquillamente dire che la manualità di un tempo sta lasciando il posto in maniera lenta ma inesorabile alla tecnologia: parliamo di personal computer, lavagne interattive multimediali ( LIM ), registri elettronici e non ultimo le iscrizioni on line…insomma tutto ormai viaggia sulla rete e bisogna essere formati se non si vuole restare indietro.

Infatti la formazione dei docenti è molto attiva anche sotto questo punto di vista e lo sarà sempre di più nel futuro non troppo remoto.

Il ministero dell’università, della ricerca e della pubblica istruzione, anche se in maniera lenta dovuta sicuramente alle ristrettezze economiche, sta facendo da un po’ la sua parte anche attraverso la previsione che dovrebbe essere a breve operativa di dotare ogni docente di un tablet .

Si inizierà con i docenti di scuola secondaria di primo e secondo grado.

 

Ma cosa sono i sussidi didattici scuola?

 

I sussidi didattici sono quei strumenti compresi i mezzi audiovisivi ed informativi che possono facilitare l’autonomia, la comunicazione e il processo di apprendimento.

Per quanti si trovano in una situazione psico-fisica svantaggiosa, i sussidi , sono fondamentali perché hanno la capacità, se utilizzati bene, di accorciare enormemente le distanze .

Per gli alunni disabili unitamente ai suddetti strumenti, ovvero i sussidi , ci sono anche materiali hardware e software.

 

Attenti alla scelta

 

Come ogni strumento che si compra o che si riceve gratuitamente dalle istituzioni, la scelta dello strumento e dei sussidi didattici che va fatta, deve essere particolarmente oculata alfine di ottenere la massima ottimizzazione nella loro utilizzazione.

 

L’utilità dei sussidi didattici

 

L’utilizzo dei mezzi informatici, sussidi didattici, e la loro introduzione nel mondo della scuola è anche conseguenza del mutato contesto culturale sociale e produttivo rispetto al passato.

La possibilità di utilizzo dei personal computer è oggi diventato fondamentale per lo sviluppo della didattica.

Esso se utilizzato bene ( ecco la necessità della formazione continua ) consente il conseguimento dell’obiettivo di un insegnamento individualizzato.

Quando poi esso viene utilizzato nel processo di apprendimento degli alunni diversamente abili possiamo ottenere risultati strabilianti e risposte un tempo inimmaginabili.

Una cosa importante da dire è che l’uso del personal computer, e altri sussidi didattici, da parte dei diversamente abili è facilitato dalla vasta gamma di interfacce che consentono appunto a questi di poterli utilizzare. Infatti attraverso i simboli illimitati disponibili e la loro manipolazione che aumentando la potenzialità  e la versatilità ne fanno uno strumento universale utilizzabile da ogni soggetto anche da quello meno fortunato.

Il sussidio informatico è addirittura in grado di sostituire una funzione come il movimento,  la voce, la vista regalando al soggetto diversamente abile una autonomie insperata e la possibilità anche di instaurare rapporti interpersonali.

Per l’acquisto di attrezzature, sussidi didattici scuola e informativi ci sono norme e direttive che si sono susseguite nel tempo.

Ad oggi si fa riferimento in maniera costante al capitolo 1149 del Bilancio del Ministero della Pubblica Istruzione.

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest