Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno maggio 2nd, 2014

ven, mag 2, 2014  Patrizia Caroli
Medici Fiscali Inps: Millequattrocento “licenziati”
4.3 (85%) 12 Vota Questo Articolo

 1316811849323recortedn-300x225In seguito ai “tagli” previsti dalla Legge di Stabilità del 2013, a partire dal 2 maggio scorso l’Inps ha stabilito, “senza nessun preavviso e senza la consultazione della Fnomceo e delle organizzazioni sindacali di categoria”, di interrompere le visite fiscali mediche per i lavoratori del settore privato, lasciando operative solo quelle richieste dai datori di lavoro”. Il provvedimento, determinato dalla necessità di risparmio, taglia la spesa per queste prestazioni che si attesta intorno ai 50 milioni l’anno. Di fatto l’Inps ha cancellato circa 800 mila delle 900 mila visite che i medici fiscali Inps dovrebbero effettuare ogni anno a domicilio.

;

Medici fiscali Inps: i numeri dei tagli

;

Questa decisione ha danneggiato in primo luogo i medici fiscali Inps di mezza età che avevano deciso di lavorare principalmente o esclusivamente effettuando visite fiscali Inps; scelta quasi obbligata, vista la difficile conciliabilità tra questo servizio e le altre attività mediche. Il provvedimento dell’Inps infatti, secondo la Fnomceo  ”determina una insostenibile riduzione del lavoro dei medici fiscali, retribuiti con un contratto atipico a prestazione, ma vincolati da gravose incompatibilità che rendono impossibile lo svolgimento di altre significative attività anche libero professionali”. Ciò che più impressiona però, è l’elevato numero del personale medico Inps, circa millequattrocento, che potrebbe subire l’interruzione del proprio rapporto di lavoro.

;

Medici fiscali Inps: Tagli e licenziamenti

;

Il taglio, di circa 40 milioni di euro ai finanziamenti per il servizio di controllo medico domiciliare mette a rischio molti dei medici fiscali Inps impiegati presso l’ente da oltre quindici anni. La Fnomceo (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri) ha commentato la linea seguita dall’Inps con queste parole: “Di fatto, il provvedimento ha determinato il sostanziale licenziamento dell’intera categoria del personale medico Inps”.

;

Medici fiscali Inps: Un budget inadeguato

;

Successivamente, le visite sono state ripristinate, ma con un budget molto limitato: appena dodici milioni di euro, vale a dire un piano finanziario che permette ad ogni medico fiscale Inps di effettuare solo cinque visite al mese, per una retribuzione mensile che non supera i trecento euro. Secondo la Fnomceo un provvedimento “del tutto insufficiente per un corretto controllo dello stato di malattia”.

;

Medici fiscali Inps: Tagli e assenteismo

;


La Federazione italiana Medici Medicina Generale (Fimmg) e i sindacati Nifil, Cgil, Uil Fpl e Sin.me.vi.co hanno sottolineato un altro effetto negativo dei tagli: il ritorno all’assenteismo dovuto alla mancanza di controlli da parte del personale medico. Secondo i sindacati, nei primi 3 mesi del 2013,  i certificati di malattia dei dipendenti pubblici e privati inviati online all’Inps sono stati 7,5 milioni, un numero maggiore rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. I tagli che andranno a colpire i medici fiscali Inps, dunque, potrebbero determinare un circolo vizioso, recuperando attraverso questi provvedimenti delle risorse economiche, ma perdendole nel momento in cui, a causa dell’aumentare dell’assenteismo lieviteranno le  spesa per l’indennità di malattia.

;

Medici fiscali Inps: La denuncia alla Camera

;

La questione è stata denunciata il 18 febbraio scorso, dal vicepresidente della Federazione, Maurizio Benato. In quella occasione la Fnomceo è stata convocata in Audizione, nell’ambito dell’Indagine Conoscitiva della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, sull’attività dei medici fiscali Inps. Il presidente Benato si è espresso con queste parole: “È assolutamente necessaria e urgente la ridefinizione dell’attuale tipologia del rapporto di lavoro che i medici fiscali hanno con l’Inps, al fine di garantire agli stessi stabilità e certezza. La funzione terza del medico fiscale raffigura infatti un’insostituibile garanzia di equilibrio del sistema, così come la richiesta d’ufficio delle verifiche dell’Inps consente di evitare comportamenti impropri anche da parte dei datori di lavoro”.

;

Medici fiscali Inps: Le richieste della Fnomceo

;

La Fnomceo ha manifestato “la speranza di addivenire a una rapida risoluzione della drammatica situazione venutasi a creare a seguito della sospensione e riduzione delle visite fiscali effettuate dai medici fiscali che operano per conto dell’Inps” e, a tal fine, ha avanzato una serie di proposte che potrebbero migliorare la condizione attuale:

;
• L’istituzione di un Tavolo tecnico di confronto sulla materia, che veda il coinvolgimento del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di quello della Salute, di quello della Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, dell’Inps, oltre che delle Organizzazioni sindacali mediche e della Federazione stessa.
• La costituzione, presso l’Inps, di un Polo Unico per l’effettuazione delle visite di accertamento medico legale, sia per i lavoratori pubblici che per quelli privati;
• La ridefinizione delle modalità di controllo sulle assenze per malattia dei dipendenti pubblici, della raccolta ed elaborazione dei dati relativi alle assenze stesse, e della remunerazione delle prestazioni
• L’inserimento, in tali attività, dei medici che oggi prestano funzioni fiscali presso le Asl.

;

Patrizia Caroli

;

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest