Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno maggio 9th, 2014

ven, mag 9, 2014  Patrizia Caroli
Stipendi Carabinieri: 3 cose da sapere sulla difficile situazione attuale
4.7 (93.33%) 9 Vota Questo Articolo

Gli stipendi dei dipendenti pubblici facenti parte dell’Arma dei Carabinieri non brillano certo per abbondanza. E negli ultimi tempi nuvole plumbee si addensano sul tema delle remunerazioni e stipendi Carabinieri in Italia.

 

Stipendi Carabinieri: 3 cose da sapere sulla difficile situazione attuale

La scure dei tagli sulle forze dell’ordine

 

Già infatti qualche mese fa il Ministero dell’Interno aveva provveduto a tagliare 1,8 miliardi di euro con riferimento agli stipendi delle forze dell’ordine: una scure che non si limitava ad abbattersi soltanto sugli stipendi. La proposta complessiva infatti veniva a definirsi anche sulla soppressione di due compartimenti e 27 presidi della Stradale e la cancellazione di 73 sezioni di polizia ferroviaria. L’elenco di tagli non si arrestava qui: prevista la neutralizzazione di 73 sezioni provinciali della polizia postale (sezione importante ed idonea a combattere questa nuova frontiera del crimine sulla rete), oltre alla riduzione evidente delle scuole di formazione e alla neutralizzazione di 2 zone di frontiera e ben 10 tra i presidi minori. Una importante protesta ha seguito queste proposte e, al momento, la questione è in un fase di transizione: occorre attendere i provvedimenti effettivi.

 

La voce di un carabiniere

 

È chiaro come la situazione stia divenendo difficile per chi ha deciso di intraprendere il percorso dell’impiego al servizio delle forze dell’ordine. In questo senso colpiscono e sono molto efficaci le parole di un carabiniere riportate dal sito di informazione Affaritaliani.it: “Questo mestiere lo devi sentire nel cuore, è una passione che ti può solo crescere dentro e non voglio credere alle persone che lo fanno solo per i soldi. Da parte mia, e sicuramente anche di tanti altri, fare parte dell’Arma dei carabinieri è una scelta di vita”. Parole che nell’odierno momento storico riescono a spedire un messaggio importante ad istituzioni ed opinione pubblica: basti pensare che lo stipendio base di un carabiniere si aggira sui 1300 euro al mese più alcune indennità di servizio.

 

Carabinieri: stipendi inadeguati?

 

Insomma ciò che risulta chiaro è che le forze dell’ordine sono sul piede di guerra (economicamente parlando) da qualche mese ed un discreto malumore comincia a serpeggiare anche tra i carabinieri i quali, essendo privi di formazioni sindacali, ufficialmente non rilasciano dichiarazioni. Ma risulta che anche ai vertici di una delle quattro forze armate italiane c’è chi lamenta che prima di effettuare piani di riordino, il Governo farebbe bene a saldare agli agenti e ai militari i conti dei loro stipendi.
In questa direzione i carabinieri del Cocer (Consiglio Centrale di Rappresentanza, organo deputato formulazione di pareri, proposte e richieste su tutte le materie che sono oggetto di norme legislative o regolamentari circa la condizione, il trattamento, la tutela dei dipendenti delle forze armate) hanno fatto sentire la loro voce sulla questione, utilizzando l’icastica espressione “Basta elemosine”: gli stipendi, a loro parere risultano inadeguati per il servizio prestato (un servizio che a volte mette addirittura a repentaglio la vita). La volontà che emerge è rappresentata dalla seguente dichiarazione: “Come per altre criticità, anche per il trattamento economico del personale in divisa questo Governo provveda urgentemente a reperire i necessari fondi, facendo, magari, economia sui ben noti scandalosi sprechi della Pubblica Amministrazione e sulle vergognose prebende delle varie caste”.

 

Fonti: repubblica.it. affaritaliani.it, lecceprima.it

 

Patrizia Caroli

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest