Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno gennaio 14th, 2015

mer, gen 14, 2015  Valentina
Polizia di Stato Pronta per Fronteggiare il Terrorismo Islamico?
1 (20%) 3 Vota Questo Articolo

 

A dispetto di quanto dichiarano i politici da più parti, la risposta è no. E non certo per mancanza di volontà o di competenza da parte della nostra polizia di stato.

 

Fonte: liberoquotidiano.it

Fonte: liberoquotidiano.it

Piuttosto per scelte di carattere politico che stanno facendo a pezzi il sistema sicurezza, come ha dichiarato senza troppe precauzioni il segretario Generale del Sindacato Indipendente di Polizia, Franco Maccari, a seguito della dichiarazione del Ministro Angelino Alfano di voler riunire il Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo per esaminare con grande attenzione la minaccia terroristica in Italia alla luce del gravissimo attacco a Parigi.

 

È davvero paradossale, secondo l’esponente del sindacato autonomo di polizia, che questa dichiarazione del tutto fuori luogo, avvenga “mentre, vengono soppressi moltissimi presidi della Polizia di frontiera che vigilavano sui nostri confini anche e soprattutto a fini antiterrorismo, mentre viene smantellata completamente la ramificazione dei presidi della Polizia Postale sul territorio che assicuravano un controllo della rete dove proliferano i siti riconducibili al terrorismo islamico (…) mentre l’insufficiente assunzione di nuovi Poliziotti incrementa ulteriormente la demotivazione e lo sfiancamento dei pochi che combattono una lotta impari”.

 

 

Polizia Di Stato. Nuova Circolare Anti Terrorismo

 

 

 

Alle dichiarazioni politiche, è seguita comunque una circolare del capo della Polizia, Alessandro Pansa, che contiene delle precise indicazioni destinate a prefetti e questori italiani.

 

Si tratta in sostanza di un ampliamento di quella circolare già inviata pochi giorni prima seguito della strage nella sede del quotidiano francese Charlie Hedbo, nella quale si chiedeva di rafforzare le misure di vigilanza nelle sedi istituzionali e presso aeroporti, porti e stazioni, luoghi di culto – primo tra tutti il Vaticano – e nelle sedi degli organi di informazione.

 

Di pari passo con queste indicazioni, particolare attenzione meritano i foreign fighters, ovvero quei terroristi che rientrano da paesi come Siria, Iraq e Afghanistan, nei quali sono stati sottoposti a un addestramento mirato e malato.

 

 

 

Polizia Di Stato. Un Passo Indietro Sui Tagli

 

 

 

Il massacro di Parigi ha avuto un effetto positivo sulle nostre forze armate: il Ministro della difesa Roberta Pinotti ha infatti fatto una clamorosa marcia indietro rispetto alla riduzione del numero di agenti che doveva scendere da 4250 a 3000.

 

Una misura sull’onda del momento. Nessuno si illuda che sia legato alla consapevolezza dell’importanza strategica della categoria!

 

Mentre ai piani alti si discute di circolari e aria fritta, gli agenti italiani hanno provveduto nelle scorse settimane a sventare il progetto di attacchi alla metropolitana di Milano, alla basilica di Sant’Antonio a Padova e a quella di San Petronio a Bologna, confermati da Mohamed Yassine Mansouri, capo dei servizi segreti del Marocco.

 

 

 

 

Fonte: grnet / ilmessaggero / ilgiornale / liberoquotidiano

 

 

 

Valentina Stipa

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest