Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno giugno 16th, 2015

mar, giu 16, 2015  Valentina
Carabinieri: Goodbye Giulietta!
5 (100%) 2 Vota Questo Articolo

giuliettaFinisce un’era. L’arma passa i suoi primi 200 anni e subito si dà una spruzzata di novità che di fatto termina un’intera epoca distintiva.  Polizia e carabinieri per la prima volta da quando sono state creati avranno la medesima auto. E sarà una Seat Leon.

 

Addio quindi alla pantera e alla gazzella, targate Alfa romeo e frontiere aperte per la nuova seat.

Come si è arrivati a questo è del tutto semplice.

Il bando che il ministero dell’interno aveva indotto rispondeva  a normative europee, le quali escludevano qualunque tipo di privilegio per i costruttori italiani. Ecco quindi che la Seat ha avanzato l’offerta più vantaggiosa, con una differenza attestata a circa 83 euro per ogni veicolo. La casa Spagnola si era aggiudicata la vittoria del bando già lo scorso aprile 2014.

 

 

Carabinieri. Ecco I Numeri Della Vittoria Tedesca

 

 

Per entrare nel dettaglio dei vantaggi economici offerti vi diamo un dato: per l’Alfa Romeo Giulietta in allestimento speciale venivano spesi 43.980 euro, mentre per la Seat Leon 2.0 TDI 150 CV il costo è di 43.897 euro.

 

Si può certamente dire che la casa spagnola ha fatto un bel colpo, con una fornitura che si attesta sui 180 milioni di euro e che vedrà una prima consegna con 206 auto totali, di cui 100 alla Polizia di Stato e 106 ai Carabinieri.

 

La seat si è poi aggiudicata la prelazione sulla consegna di 2.400 auto nei prossimi tre anni, con una opzione per salire fino a 4.000 totali, 2.100 per i Carabinieri e 1.800 per la Polizia.

 

Considerati questi numeri è chiaro che la Fiat, sconfitta dalla casa spagnola ha avanzato ricorso al TAR del Lazio, il quale però lo ha rigettato.

 

Se si pensa che il marchio spagnolo Seat è di proprietà della tedesca volkswagen, sembra un brutto scherzo del destino… la Germania ci batte ancora.

 

 

 

 

Fonte: ilfattoquotidiano / inlibertà

 

 

Valentina Stipa

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest