Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Indennità Una Tantum: Guida Utile su Come Ottenerla



Indennità Una Tantum: Guida Utile su Come Ottenerla
4 (80%) 3 Vota Questo Articolo

L’ indennità una tantum è un ammortizzatore sociale che può essere concesso agli eredi di un assicurato INPS nel caso il soggetto deceduto abbia svolto attività lavorativa dopo il 31 dicembre 1995 e sia stato destinatario di una pensione contributiva.

 

Precisiamo subito che il diritto di richiedere l’ indennità una tantum si prescrive dopo 10 anni dalla data di decesso del soggetto assicurato.

 

A Chi Spetta L’ indennità una tantum

 

L’ indennità una tantum spetta al coniuge anche se separato o divorziato purché destinatario di un assegno stabilito dal tribunale.

 

Anche i figli possono godere dell’ indennità una tantum purché alla data del decesso siano minori, inabili, studenti. Stessi diritti di richiesta indennità una tantum sono estendibili anche ai figli nati dopo il decesso e ai figli coniugati.

 

Qualora non ci siano né figli né coniugi, l’ indennità una tantum può essere riscossa dai genitori non titolari di pensione diretta che abbiamo compiuto 65 anni; ai fratelli o alle sorelle nubili o inabili del deceduto.

 

L’importo di indennità una tantum è pari all’importo mensile dell’assegno sociale moltiplicato per il numero delle annualità di contribuzione accreditata ed è ripartito tra i beneficiari secondo il seguente schema:

 

Quota per il coniuge

Quota per ciascun figlio, genitore, fratello o sorella

Solo il coniuge

100 %

Coniuge e un figlio

75 %

25 %

Coniuge e due figli

60 %

20 %

Coniuge e tre figli

60 %

33,33 %

Un figlio

100 %

Due figli

50 %

Tre figli

33,33 %

Quattro figli

25 %

Cinque figli

20 %

 

Nel caso in cui non ci siano né coniugi né figli o nipoti, l’assegnazione dell’ indennità una tantum viene ripartita tra gli altri eredi secondo le seguenti percentuali:

RICHIEDENTE

PERCENTUALE

Quota per ciascun genitore, fratello o sorella

Un genitore

100 %

Due genitori

50 %

Un fratello o una sorella

100 %

Due fratelli o sorelle

50 %

Tre fratelli o sorelle

33,33 %

Quattro fratelli o sorelle

25 %

Cinque fratelli o sorelle

20 %

 

Se si rientra di una delle categorie appena descritte, per poter usufruire dell’ indennità una tantum, è necessario però anche avere una serie di altri requisiti ben specificati nella circolare 104 del 6.6.2003:

-      non si ha diritto alla pensione indiretta né a quella supplementare indiretta

-      non si ha titolo alla concessione di rendite INAIL per infortunio su lavoro o malattia professionale

-      possiede i requisiti di reddito per l’assegnazione dell’assegno sociale

 

Presentazione Della Domanda Di Indennità Una Tantum

 

La domanda di accesso all’ indennità una tantum deve essere presentata direttamente allo sportello INPS o attraverso i patronati riconosciuti; in questo caso la prestazione è gratuita per il richiedente.

 

La domanda di indennità una tantum può essere redatta sul modulo apposito Mod. SO1; in alternativa è possibile anche presentarla in carta semplice allegando in ogni caso, se si tratta di un coniuge, anche l’autocertificazione di stato civile e di famiglia aggiornata alla data del decesso, la dichiarazione dei redditi e le deduzioni d’imposta.

 

Se la richiesta di indennità una tantum viene presentata dai figli, questi dovranno accompagnarla  dall’autocertificazione di frequenza scolastica, il codice fiscale e un certificato auto redatto che attesti di non prestare attività lavorativa autonoma o dipendente. Se l’ indennità una tantum viene richiesta da superstiti inabili invece la domanda deve essere accompagnata dal modello SS3 stilato dal medico curante e la copia di attestazione di invalidità rilasciata dalla ASL di competenza.

 

Fonte: inps / blog.libero / indipendenza

 

Valentina Stipa

 

Pinterest

Leave a Reply