Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Scuola. Nuovo ciclo TFA ancora senza una data



Scuola. Nuovo ciclo TFA ancora senza una data
Vota Questo Articolo

Fonte: cobascuolatorino.it

Fonte: cobascuolatorino.it

C’è stato uno spostamento di mesi, ma ci sarà”. Non una grande rassicurazione quella del ministro Stefania Giannini in merito al nuovo ciclo TFA, era atteso per gennaio 2016 ed continuamente rinviato a data da destinarsi. Dunque tutto fermo per quei docenti che vorrebbero conseguire l’abilitazione.
La necessità del nuovo ciclo TFA è legata proprio al fatto che i primi laureati con il nuovo sistema abilitante non ci sono ancora, dunque serve un palliativo fino a quando il nuovo percorso accademico non darà i primi frutti.
 

 

Scuola. Nuovo ciclo TFA che non piace ai docenti

 

 

 

Unica news che il ministro dà al giornalista di repubblica durante l’intervista di pochi giorni fa è che il nuovo ciclo TFA sarà attivato solo per le classi di concorso esaurite, sulla base del   fabbisogno effettivo di docenti, e che sarà l’ultimo, oltre il quale si continuerà le lauree abilitanti non a pagamento, abbinato al tirocinio nelle scuole.
La prima affermazione del ministro riguardo al fatto che le abilitazioni saranno aperte solo alle classi di concorso esaurite non è stata presa bene dai circa 600 mila docenti coinvolti, i quali prestano la loro professione in maniera regolare tramite supplenze annuali o brevi.
Se quanto affermato dal ministro Giannini corrisponde alla verità, molti docenti si vedrebbero chiudere la porta in faccia, considerando tra le altre cose che i precedenti percorsi abilitanti non hanno mai coperto effettivamente i posti vacanti e disponibili.
 

Scuola. Anche sui trasferimenti è guerra

 

 

 

 

Ma per il ministro Giannini la vita è dura anche sul fronte dei trasferimenti. Dopo l’affermazione del MIUR del 14 settembre scorso secondo la quale “l‘algoritmo ha funzionato: su 207.000 procedure di mobilità soltanto il 2,5% è stato interessato da rettifiche”, i sindacati si sono agitati non poco. E si inizia a parlare di “numeri che non corrispondono alla realtà” e del “17% di collocazioni sbagliate: praticamente un docente trasferito su sei”.
Non vogliamo schierarci con nessuno, sia chiaro, ma un dato di fatto va sottolineato con una certa forza: pensare che il 97,5% dei docenti sia stato trasferito in modo regolare come afferma il ministro appare fantascientifico. Se non altro perché i conteggi che riguardano questo benedetto algoritmo vanno fatti sui trasferiti in ambiti territoriali, dunque meno della metà dei 207mila complessivi.
Una guerra aperta anche questa sui trasferimenti che non vede la fine. Anzi si estremizza dichiarazione dopo dichiarazione. Nuocendo senza meno a tutto il mondo della scuola.

 

 

 

 

 

 

 

Fonte: blastingnews / orizzontescuola / tecnicadellascuola
 

 

 

 

 

 

Valentina Stipa

Pinterest

Leave a Reply