Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 
gio, mar 14, 2013  Roberta Buscherini
Scatti di anzianità 2011 nella Busta Paga di Aprile
4.1 (81.67%) 12 Vota Questo Articolo

 

Scatti di anzianità 2011.  Saranno rimborsati ad aprile/maggio 2013 e potranno arrivare a 3.000 euro lordi.

Molto si è parlato in questi giorni sugli scatti di anzianità 2011 e la confusione tra i docenti è considerevoli. Riprendendo le indicazioni di alcuni rappresentanti sindacali, cercheremo di mettere un po’ di ordine. Ieri finalmente è stato firmato l’accordo per il pagamento degli scatti di anzianità docenti corrispondenti al 2011 che prevede una decurtazione del fondo di istituto per pagare gli scatti arretrati.

 

Ma, chi ha diritto all’importo e quando saranno pagati gli scatti di anzianità 2011?

 

Il segretario generale della Uil Scuola, Massimo Di Menna, ha affermato al rispetto che “con l’intesa si riconosce, per tutto il personale, l’anno 2011, così come accaduto per il 2010, ai fini della anzianità e si garantisce il pagamento con tutti gli arretrati per coloro, circa 200 mila, che hanno maturato lo scatto al 31 dicembre 2011. Il pagamento dovrebbe avvenire tra aprile e maggio”.

 

Ecco due tabelle informative sugli Scatti di Anzianità 2011

 

scatti di anzianità 2011

 

 

 

 

Il sindacato UIL ha spiegato che se gli scatti di anzianità 2011 vengono rimborsati a maggio, con un aumento per anzianità a decorrere dal 2012, il calcolo degli arretrati si ottiene includendo anche i quattro mesi ( gennaio – aprile 2013) all’aumento annuale riportato in tabella per i diversi profili e per le diverse anzianità.

 

Scatti di anzianità 2011: Esempi

Ecco alcuni esempi spiegativi:

  1. Docente di primaria che passa nel gradone 15-20. Gli corrisponde l’aumento annuo che deriva dallo scatti di anzianità 1.878 € (vedi tabella) a decorrere da gennaio 2012 Più l’importo corrispondente ai quattro mesi del 2013 (156 € x 4)
  2. Insegnante di scuola secondaria di II grado del gradone 9-14: gli corrisponde l’aumento annuo derivante dallo scatto 3.089,29€ (vedi tabella) PIù l’importo corrispondente agli arretrati dei 4 mesi di 2013 (257 € x 4)

 

Bisogna sottolineare inoltre che il personale della scuola che ha maturato gli scatti di anzianità 2011, proprio nel corso del 2011, ha diritto anche ad aggiungere i mesi a decorrere dalla dada di decorrenza dell’anzianità.

 

Fonte: Tuttoscuola / UIL Scuola

 

Roberta Buscherini

 

Accede ora al tuo cedolino senza muoverti da casa: Stipendio Pubblica Amministrazione

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, mar 12, 2013  Roberta Buscherini
Concorsi Pubblici: Guida definitiva
4 (80%) 5 Vota Questo Articolo

Concorsi pubblici sono selezioni di personale che vengono indette per ricoprire ruoli statali nelle varie categorie, ad esempio, polizia municipale, carabinieri, dipendenti comunali….

I concorsi pubblici vengono annunciati tramite bandi di concorsi pubblicati tanto dalla gazzetta ufficiale come dalle proprie amministrazioni interessate, oppure sui quotidiani locali. In ogni singolo bando di concorsi pubblici sono presenti i requisiti di partecipazione e la modalità per la presentazione di domande.

Pertanto, prima di partecipare ai concorsi pubblici è necessario controllare i bandi di concorso per verificare che siano rispettati tutti i requisiti. Inoltre, bisogna controllare che le caratteristiche della figura ricercata siano coerenti con il proprio profilo professionale.

 

Tipologie di concorsi pubblici

 

Tra le diverse tipologie di concorsi pubblici bisogna segnalare:

Concorsi Pubblici per Esami

In questa modalità di concorso per dipendenti pubblici i posti vengono assegnati ai candidati con le votazioni migliori nella prova scritta e orale.

Concorsi Pubblici per Titoli

Questa modalità di concorso non è molto comune e consiste nell’assegnazione dei posti disponibili in base ai “titoli” posseduti, ovvero titoli di studio, anzianità lavorativa, pubblicazioni, ecc…

Concorsi Pubblici per Titoli ed Esami

In questo caso i candidati ricevono un punteggio dato dalla combinazione delle votazioni tra gli esami e i titoli posseduti

Concorsi Pubblici sotto forma di corsi-concorsi

Questa modalità di concorsi pubblici viene gestita da un ente di formazione e i candidati devono realizzare una prova di selezione per poter frequentare il corso e ottenere l’abilitazione ad una determinata posizione lavorativa.

 

Domanda di partecipazione ai concorsi pubblici

 

concorsi pubbliciLa domanda di partecipazione ai concorsi pubblici deve essere presentata entro la data di scadenza presente nel bando di concorso e secondo lo schema in allegato riportando tutte le informazioni che, secondo la legge, i candidati devono fornire. Se non c’è un modello specifico, la domanda per i concorsi pubblici può essere presentata su carta semplice e indirizzata all’ente banditore.

Dati obbligatori presenti nella domanda di concorsi pubblici

-          Nome e cognome

-          Data e luogo di nascita

-          Codice fiscale

-          Residenza

-          Cittadinanza italiana

-          Titolo di studio

-          Idoneità fisica all’impiego

Inoltre, i candidati devono dichiarare di non essere mai stati condannati per delitti penali né aver in corso procedimenti penali.

La domanda deve essere inviata tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno oppure personalmente presso la sede dell’amministrazione pubblica che pubblica il concorso.

 

Svolgimento dei concorsi pubblici

Le particolarità dello svolgimento di ogni concorso è presente nel bando in questione, ma in generale, i candidati che hanno fatto la domanda di partecipazione, devono presentarsi il giorno della prova scritta con i propri documenti d’identità.

Ovviamente, non è possibile parlare né comunicare tra i candidati durante lo svolgimento delle prove. Gli esami scritti devono essere presentati su carta con il timbro d’ufficio e la firma di un membro della commissione esaminatrice.

 

Fonti: Concorsipubblici.com / Ingrage.it

 

Roberta Buscherini

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
lun, dic 17, 2012  Roberta Buscherini
Scatti di Anzianità Scuola: Aumenti per tutte le categorie di docenti
4 (80%) 9 Vota Questo Articolo

Scatti di anzianità scuola: L’ARAN ha firmato un accordo qualche giorno fa con i sindacati CISL, UIL, SNALS, Gilda degli insegnanti per il pagamento degli scatti di anzianità scuola.

Vediamo nel dettaglio, cosa include questa intesa sugli scatti di anzianità scuola:

Completa validità dell’anno 2011 ai fini giuridici ed economici dell’avanzamento di carriera. Questo punto colpisce anche i docenti che non abbiano maturato il passaggio di gradone nel 2011 e che beneficerà dell’anticipo di un successivo anno del passaggio alla posizione stipendiale consecutiva.

 

A chi spettano gli scatti di anzianità scuola 2011?

 

Agli insegnanti che abbiamo maturato lo scatto di anzianità entro il 31 dicembre 2011 e che trovano nella busta paga “Scadenza: 2013”. Inoltre, compete anche al personale assunto nell’anno scolastico 2010 / 2011 con diritto alla ricostruzione di carriera con riconoscimento dei pertinenti benefici economico nell’anno successivo.
Gli scatti di anzianità scuola verranno liquidati dopo la ratificazione in Consiglio dei Ministri e la certificazione dalla Corte dei Conti per la firma definitiva. In questo modo, il pagamento degli arretrati e degli aumenti potrebbe avvenire nei primi tre mesi del 2013.

 

Quali saranno gli aumenti e gli arretrati per ogni profilo di docenti e di ATA?

 

 

 

scatti di anzianità scuola

 

scatti di anzianità scuola

 

scatti di anzianità scuola

 

scatti di anzianità scuola

 

scatti di anzianità scuola
scatti di anzianità scuola

Fonti: Orizzonte Scuola / CISL

scatti di anzianità scuolaRoberta Buscherini

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
lun, dic 3, 2012  Roberta Buscherini
Scatti Stipendiali Docenti: divisione dei sindacati
Vota Questo Articolo

scatti stipendiali docenti

fonte: paperblog.it

Scatti Stipendiali Docenti: niente intesa tra i sindacati. Le ultime novità riguardo gli scatti stipendiali docenti hanno diviso di nuovo i principali sindacati della scuola. Vediamo di riassumere, in modo breve, le posizioni dei principali sindacati scolastici una volta sbloccati gli scatti stipendiali docenti.
Da una parte troviamo le dichiarazioni, in un comunicato congiunto, di Cisl, Uil, Snals e Fgu-Gilda nel quale assicurano di essere soddisfatti con le ultime mosse del governo di inviare l’atto di indirizzo all’Aran, così come dell’annullamento dello sciopero proclamato per il 24 novembre. In questo senso considerano che il fatto di sospendere le proteste è un atto di serietà e responsabilità e non di debolezza.

 

Scatti Stipendiali Docenti: Uil e Flc – Cgil

 

Il sindacato Uil Scuola mostra ugualmente la propria soddisfazione e considera che l’accordo, tra sindacati e governo, per le assunzioni è molto positivo.

D’altra parte si trovano i fronti che difendono e mantengono la convocazione di  sciopero. In questo senso, Flc- Cgil, assicura che lo sciopero è confermato con manifestazioni annesse e considera che  attingendo al fondo di istituto anche per gli scatti stipendiali docenti del 2012, si mette in pericolo il sistema scolastico in quanto potrebbe azzerarsi il fondo, nel giro di poco tempo, e questo ucciderebbe non solo l’offerta formativo ma anche la qualità della scuola italiana.

 

 

Scatti Stipendiali Docenti: Cobas e CUB

 

 

Un’opinione simile è quella mostrata da Cobas di Bernocchi: accusano i sindacati che hanno fatto marcia indietro in quanto considerano che non hanno mai avuto l’intenzione di andare avanti, sul serio, con le proteste né di “condurre una lotta contro la politica scolastica del governo”.
Anche il Cidi (Centro iniziativa democratica insegnanti) conferma l’adesione allo sciopero.

Un po’ più radicali sono le dichiarazioni della CUB di Cosimo Scarinzi riguardo le decisioni del governo per gli scatti stipendiali docenti. “Non è una soluzione, ma il gioco delle tre carte”.
Infatti, aggiunge Scarinzi, “l’onere del pagamento si scarica sui lavoratori che dovranno rinunciare a una parte del salario accessorio; insomma gli scatti stipendiali docenti verranno pagati dagli stessi lavoratori che dovrebbero percepire lo scatto negli anni successivi e così in due anni le risorse disponibili per il fondo dell’istituzione scolastica si ridurranno a meno di un terzo di quelle attuali”.

 

Sugli scatti stipendiali docenti un accordo? Direi proprio di no.

 

Fonte: Tecnica della Scuola

 

Roberta Buscherini

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, nov 28, 2012  Roberta Buscherini
Scatti di anzianità Docenti 2012
Vota Questo Articolo

Scatti di anzianità docenti

scatti di anzianità docenti

Foto: Scuola Magazine

Novità riguardo gli scatti di anzianità docenti: sono stati salvati dal governo, una volta scartato l’aumento delle ore settimanali ma l’ambiente è un po’ freddo dovuto alle dichiarazioni dei principali rappresentanti politici in Italia, Monti e Napolitano, che hanno detto rispettivamente “i corporativismi spesso usano anche i giovani per perpetuarsi” e “non si può restare prigionieri di conservatorismi e corporativismi, come proprio ieri ha sottolineato il presidente Monti”.

Ecco qui che gli insegnanti sono stati accusati di troppo corporativismo. Voi cosa ne dite? Magari è stato l’unico modo per andare avanti e farsi sentire davanti alle continue modifiche e tagli previsti dal governo, giusto o sbaglio?

 

Scatti di anzianità docenti: copertura

 

I soldi per coprire gli scatti di anzianità docenti, 300 milioni circa, sono stati trovati dai fondi scuola, in pratica l’onere dei risparmi è stato affidato ai sindacati stessi. Questi soldi garantiscono gli scatti di anzianità docenti corrispondenti a 2011 e 2012, ma anche quelli corrispondenti a ausiliari, dirigenti scolastici, tecnici e amministrativi. Nel tutto, 180.000 dipendenti pubblici.

Nello specifico i 300 milioni necessari arriveranno dal Fondo di Istituto (dotazione di oltre un miliardo) il fondo dotazioni strumentali, aree a rischio, incarichi specifici Ata.

 

Scatti di anzianità docenti

 

Riguardo alle novità sulle procedure per il pagamento degli scatti di anzianità docenti, sono arrivate le prime critiche, nel concreto il segretario Flc-Cgil Pantaleo: “È il gioco delle tre carte. L’onere del pagamento si scarica sui lavoratori che dovranno rinunciare a una parte del salario accessorio, quello finalizzato al miglioramento dell’offerta formativa, cioè il valore aggiunto alla didattica. Gli scatti di anzianità docenti verranno pagati dagli stessi lavoratori, ma anche dagli studenti che avranno meno offerta formativa”.

 

D’altra parte, il coordinatore della Gilda degli Insegnanti, Rino Di Meglio, la vede in questo modo:

 

 

 

 

 

Fonti: Gilda degli Insegnanti, Blitzquotidiano

 

Roberta Buscherini

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest